• slidebg1
    Statua di S.Anna usata nella processione - Anonimo
  • slidebg1
    Processione per S.Anna - Ecorisveglio
  • slidebg1
    Processione per S.Anna - Ecorisveglio
  • slidebg1
    Processione per S.Anna - Ecorisveglio
  • (?)
    2010
 Indietro

Categoria

Riti e Pratiche Sociali

Tag

DOVE

Valstrona (VB), Piemonte - Italia

Il percorso della processione parte dalla chiesa del paese e dalla piazza antestante e si snoda per la via principale seguendo il percorso fra le lenzuola appese per poi con un percorso ad anello tornare alla chiesa.

QUANDO

luglio, ultima domenica

CHI

Caglio Don Mauro Caglio Don Mauro
(informatore)

Culto di Sant’Anna a Fornero

I festeggiamenti per la patrona di Fornero, Sant'Anna, si svolgono ogni 5 anni e durano per tre giorni.
Il primo giorno è quello più importante perchè dapprima viene effettuata la messa in onore di Sant'Anna e poi la statua della Santa viene portata in processione per le vie del paese.
Lungo le vie del piccolo paese e intorno alle mura della piazza davanti alla chiesa vengono sistemate delle lenzuola bianche così che la processione avanza in un "corridoio" di lenzuola attraverso il paese per poi fare ritorno alla chiesa. Ogni famiglia si occupa di esporre le lenzuola nel tratto di strada di fronte alla propria casa, mentre per le lenzuola della piazza è incaricata la priora che spesso le chiede in prestito alla varie famiglie del paese, dato che per la piazza ne servono circa una cinquantina. Spesso fra le lenzuola vengono appesi  fiori freschi. Le lenzuola vengono appese a delle cordicelle montate precedentemente nei giorni prima della festa.
Guida la processione il parroco del paese, a cui segue la priora e dietro la statua della Santa in legno portata da alcuni uomini del paese. La confraternita del Santissimo Sacramento invece è incaricata di portare i paramenti sacri della chiesa. Fatto ritorno alla chiesa e dopo aver riposto la statua al suo posto, iniziano i festeggiamenti con la banda musicale di Fornero che suona e varie iniziative e concerti nel corso dei successivi due giorni.

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La Parrocchia di Sant'Anna a Fornero è stata fondata nel 1784 ed è stata una delle ultime della Valle Strona, fortemente voluta dagli abitanti che avevano difficoltà, soprattuto nei mesi invernali, ad andare a messa nella vicino paese di Massiola di cui prima Fornero faceva parte.
La processione continuò a essere celebrata negli ultimi due secoli, subendo solamente una breve pausa negli anni '70 del Novecento per poi tornare a essere celebrata fino ad oggi. Ultimamente la festa dura 3 giorni con concerti e stand enograstronomici e si è trasformata in un attrazione anche per le comunità dei paesi vicino e per i forneresi residenti in altre regioni.

APPRENDIMENTO E TRASMISSIONE

La storia di Sant'Anna e le modalità della processione e della festa a Fornero sono insegnate dagli adulti e dagli anziani del paese ai bambini che aspettano l'evento come una festa particolare anche perchè si tiene solamente ogni cinque anni.

COMUNITÀ

La comunità di Fornero sente particolarmente la celebrazione della propria patrona e partecipa attivamente alla buona riuscita della festa e della processione.
Già dalla mattina molto presto vengono tirate  le corde davanti alle case e sistemate le lenzuola lungo il percorso della processione e nel piazzale della chiesa.
Precedentemente la banda del paese ha preparato la musica da eseguire e in ogni casa sono stati cucinati  piatti tipici da consumare dopo la processione. La popolazione partecipa con fervore sia alla messa che alla processione e la sera negli ultimi anni vi sono anche concerti, musica e balli moderni a cui partecipano anche le comunità dei paesi vicini.
Essendo la festa ogni cinque anni è anche un occasione di incontro e di ritrovo con la comunità di Forneresi emigrati o residenti in altri luoghi che tornano al paese di origine per la festa della patrona.

Per sapere di più

Siti web

Bibliografia

  • AA.VV.
    La Valle Strona
    Grafiche Corsico 1975

A cura di

ITALIA Regione Piemonte - Settore Musei e Patrimonio Culturale - Nicola Colajanni

Condividi




Dalla Community


 Racconta